Salta al contenuto principale

Come allattare correttamente

Quale posizione e tecnica scegliere, per quanto tempo, con quale frequenza e che cosa mangiare durante questo periodo? Scopri tutto sull’allattamento e su ciò che occorre.
La maggior parte delle madri al primo figlio non vede l’ora di allattare. È anche vero, tuttavia, che sull’allattamento hanno idee distorte e spesso si trovano spiazzate quando le cose non vanno esattamente come dovrebbero.

Gli inizi

È buona norma attaccare il neonato al seno subito dopo il parto, quando il suo riflesso di suzione è molto forte ed è molto probabile che il bambino si attacchi senza problemi. Non stupirti se nei primi giorni (a volte settimane) l’allattamento causa dolori: il seno non è abituato all’allattamento e ha bisogno di tempo per adattarsi. Anche per questo motivo, fai scorta di creme cicatrizzanti per capezzoli o di lanolina pura (un’alternativa più economica), che puoi trovare in qualsiasi farmacia.

Inizialmente, le ghiandole mammarie producono il colostro, un cocktail di vitamine assolutamente unico e adatto al bambino. Dopo qualche giorno, inizia la produzione di latte materno, che è il nutrimento più naturale per il bambino nei primi mesi di vita.

 

All'inizio, allatta il bambino ogni due ore, per 10-30 minuti ad ogni seno. All'inizio è normale allattare anche 12 volte al giorno. Per quanto riguarda la posizione di allattamento, ogni donna ha le sue preferenze. Ad alcune piace allattare stando sedute con un cuscino di appoggio per il bambino, ad altre piace stare sdraiate su un fianco.

testo completo nascondi il testo

E se il latte non è sufficiente?

Per quanto possa essere stressante non avere abbastanza latte, non farti prendere dal panico. Cerca di coccolare e accarezzare molto il tuo bambino, perché spesso è il contatto tra madre e figlio a favorire l’allattamento. Puoi anche rivolgerti a una consulente per l’allattamento, che sarà lieta di aiutarti.

Tuttavia, a volte capita che il latte non esca affatto, o che semplicemente tu non ne abbia a sufficienza. In questo caso, il mercato odierno offre un gran numero di latti artificiali di qualità. Non tormentarti inutilmente e cerca di affrontare la situazione “con sportività”. La cosa più importante è che il bambino non abbia fame.

Come mangiare e non mangiare durante l’allattamento

All’inizio, cerca di eliminare gli alimenti che causano il meteorismo. Magari al tuo bambino non fa alcun effetto mangiare una zuppa di broccoli seguita da una pappa di piselli con pane fresco, ma è molto più probabile che dopo un menu del genere passerai una notte insonne e piena di pianti a causa della mancata espulsione dei gas intestinali.

Includi gradualmente gli alimenti che possono provocare meteorismo e presto scoprirai da sola cosa è meglio per il tuo bambino.

Durante i pasti, ricorda che quello che mangi sarà assunto anche dal tuo bambino. Pertanto, mangia carne bianca e rossa di buona qualità, pesce, frutta e verdura, riso, patate o farina d’avena. Bevi tisane per l’allattamento, acqua liscia o succhi di frutta freschi.

Per quanto tempo si allatta?

Nessuno può rispondere a questa domanda. È opinione diffusa che, con la crescita dei primi denti, la natura segnali che è giunto il momento di passare ai cibi solidi e di interrompere gradualmente l’allattamento entro un anno. Altre madri allattano fino a tre, cinque anni e sono felici.

È altrettanto importante ricordare che va benissimo anche se non vuoi allattare. È una tua decisione e nessuno ha il diritto di giudicarti per questo. Sebbene l’allattamento sia una cosa molto naturale, può anche essere fonte di stati d’animo malinconici o depressivi. Segui sempre le tue valutazioni e non aver paura di far valere il tuo parere.

Come facilitare l’allattamento

I primi giorni e le prime settimane con un neonato sono emotivamente molto stressanti. Tra le altre cose, ciò si manifesta col fatto che, ogni volta che senti un bambino piangere (che sia il tuo o quello di qualcun altro), senti una storia commovente su un cucciolo o vedi una famiglia felice in una pubblicità di detersivi, il tuo latte inizia a fuoriuscire spontaneamente. In quel momento, è bene avere nel reggiseno delle imbottiture per reggiseno monouso o lavabili per intercettare il latte e impedire che bagni la tua maglietta.

Il reggiseno per l’allattamento è un altro prodotto eccellente che rende l’allattamento molto più veloce e facile. Lo stesso vale per le coppette per l’allattamento, che possono alleviare i dolori dell’allattamento o aiutare in caso di capezzoli introflessi o piatti.

 

Se produci troppo latte, il modo più veloce per alleviare il problema è usare un tiralatte. Allo stesso tempo, tieni presente che vale la regola per cui l’offerta reagisce alla domanda; quindi, più spesso tiri il latte, più se ne produrrà. Quindi, paradossalmente, il tiralatte può anche essere una soluzione all’insufficienza di latte.

testo completo nascondi il testo