Sei miti diffusi sull’abbronzatura: come prendere il sole correttamente?

protezione solare

La maggior parte di noi sa già che il sole può causare rughe premature o macchie scure sul viso. Tuttavia, ci sono ancora molti miti e mezze verità sul tema della protezione solare. Scopri come abbronzarti e proteggere correttamente la tua pelle.

Perché proteggerti, anche se non ti piace

Il sole ci “rifornisce” di vitamina D, che è molto benefica ma, d'altra parte, ha effetti negativi in caso di esposizioni prolungate. Oltre alle scottature, non causa solo un numero maggiore di rughe e irregolarità pigmentarie, ma soprattutto aumenta il rischio di cancro della pelle, il melanoma. Tuttavia, le donne possono migliorare il loro modo di prendere il sole, rendendolo più sano. Cominciamo esaminando i sei principali miti sull’abbronzatura.

 

  1. Basta spalmarsi la crema al mattino.

Se hai già acquistato una crema trattante di alta qualità con protezione e la applichi regolarmente al mattino prima del trucco, è un’ottima abitudine. Tuttavia, non ti proteggerà tutto il giorno. Lo “scudo” SPF si riduce dopo 2 ore e, visto che vuoi sicuramente abbronzarti nel miglior modo possibile, dovrai riapplicare la crema periodicamente. Durante il giorno, usa lo spray Piz Buin Instant Glow, che ci piace molto per la texture leggera e l’effetto illuminante.

 

  1. Non devo usare una crema protettiva, uso un trucco con fattore SPF.

La maggior parte dei trucchi normali ha un fattore SPF 15 o 20. Tuttavia, se vuoi proteggere la pelle delicata del viso ed evitare l’invecchiamento precoce, i dermatologi suggeriscono di applicare prodotti con fattore di protezione almeno pari a SPF 30. Questo livello di protezione ti permette di abbronzarti in modo più sicuro. Anche se utilizzi prodotti solari, presta sempre attenzione al tempo di esposizione al sole. Gli effetti dannosi dei raggi del sole vengono solo ridotti, pertanto non dovresti prendere il sole per più di due ore.

 

  1. La pelle con pigmento scuro si abbronza facilmente e non ha bisogno di essere protetta.

In chi ha la pelle chiara o lentigginosa, sussiste un maggior rischio di melanoma, questo è un dato di fatto. Tuttavia, neanche un fototipo più scuro può sentirsi fuori pericolo. Dopo una lunga esposizione al sole, potresti non vedere segni di scottature, ma il rischio di melanoma è identico. La regola è semplice: proteggiti anche se hai la pelle naturalmente più scura! Non è necessario utilizzare il fattore più elevato, basta il fattore SPF 30 - portati al mare l’olio secco in spray Bioderma Photoderm Bronz.

 

  1. Se il cielo è nuvoloso, non è necessario spalmarsi la crema.

I raggi UV dannosi penetrano anche attraverso il velo di nuvole e danneggiano la pelle. Presta particolare attenzione al fatto che questi raggi non riscaldano, quindi il tempo nuvoloso non rappresenta una protezione. I danni possono anche sorgere stando all’ombra o durante una giornata uggiosa e ventosa.

 

  1. Un’abbronzatura di base mi proteggerà dalle scottature solari.

Questa leggenda ha iniziato a diffondersi negli anni ’90: prima di andare in vacanza al mare, devi abbronzarti un po’, questo creerà un’abbronzatura di base e non ti scotterai. Questo non è vero, né è un modo per abbronzarsi rapidamente al sole. Qual è il modo migliore per abbronzarsi? Non preoccuparti, avrai un’abbronzatura sexy nonostante il fattore di protezione solare dei prodotti che usi. Utilizza l’olio nutriente La Roche-Posay Anthelios XL per un’applicazione uniforme.

 

  1. Le scottature sono solo arrossamenti che scompaiono.

Gli arrossamenti scompaiono, è vero, ma i difetti che si sono generati in profondità all’interno della pelle possono crearti problemi anche qualche anno dopo: rughe, alterazioni nella pigmentazione, squame sulla pelle.

Come abbronzarsi meglio ed evitare danni? Metti in borsa una pratica confezione di crema ultra leggera per viso e corpo Vichy Idéal Soleil SPF 50.

 

Come utilizzare la crema solare

La maggior parte di noi rinuncia all’uso quotidiano della protezione solare perché, se non scegliamo la crema adatta, molto spesso succede che sul viso rimangano delle macchie bianche e i pori si ostruiscano. Non arrenderti! Si tratta solo di trovare la crema giusta. Per pelli normali e secche, è preferibile la consistenza dell’olio, che non lascia un rivestimento bianco. Se hai la pelle sgradevolmente lucida e produci sebo in eccesso, la tua scelta dovrà essere Avène Cleanance Solaire SPF 50, una cura protettiva opacizzante per la pelle incline all’acne.

 

Il sole non gioca a nascondino

Ci sono punti sul corpo che di solito dimentichiamo quando ci spalmiamo la crema protettiva. Il corretto modo di prendere il sole include anche la protezione della scriminatura, dei lobi delle orecchie e del dorso delle mani; specialmente quest'ultimo, con la dovuta cura, ci ricompenserà con un aspetto giovanile anche in età avanzata. Se non proteggi la pelle del dorso delle mani, appariranno macchie di pigmento e le tue mani invecchieranno molto rapidamente.

 

Come devono prendere il sole i bambini e gli uomini?

La maggior parte dei nostri compagni di vita non gradisce di spalmarsi prodotti sulla pelle, per non parlare poi dei bambini. Cerca di rendere più piacevole la loro protezione solare! Grazie al colore speciale da “puffi”, il latte Bioderma Photoderm KID con SPF 50+ è adatto ai bambini giocosi; agli uomini consigliamo invece Vichy Capital Soleil Beach Protect, uno spray multiprotezione SPF 50+ che non unge, è facile e veloce da applicare ed è resistente al sudore e all’acqua.

 

Quando il sole ti chiederà se sei pronta, avrai un arsenale protettivo pronto per te e tutta la famiglia. Goditi i primi giorni dell’estate!